Cosenza in Testa

Presentazione

Il video musicale «COSENZA IN TESTA», ideato da Caterina Misasi con il sostegno di Associazioni e Fondazioni  si pone come scopo quello di mettere in risalto cultura, ambienti, attività, abitanti,  prodotti, monumenti e ricchezze, proprie della città di Cosenza, con focus particolare sul suo centro storico.

Il video sarà realizzato in sinergia con realtà locali presenti sul territorio e con la partecipazione di artisti noti proprio per aumentare la percezione e la reputazione della cittadina e per darle valore in ogni sua forma.

Il progetto «UNA CALABRIA DIVERSA» nasce dalla volontà di valorizzare la Regione in tutte le sue sfaccettature. .
Si concretizza nella realizzazione di video musicali volti a mettere in risalto la bellezza e la ricchezza di diversi borghi antichi calabresi.

Il progetto si prefigge l’obiettivo di valorizzare tutte le città e i luoghi della regione Calabria con il progetto «Una Calabria diversa».

 

Vedo Cosenza come un cuore pulsante di Italia un cuore che vive di emozioni. Un cuore che pulsa di danze, di impressioni violente, di Sguardi sofferti, di palazzi ansimanti. Vedo Cosenza come le viscere di questo paese.

“…a Cosenza sono nata

Quando l’ho visitata con mio zio,

una guida eccezionale,

quando ho visto la bellezza

la città antica decantata da mia madre

quella di mio nonno, di mio padre

sognando a occhi aperti

nella delusione, nell’amarezza

della mancata cura

della negata nuova fioritura

mi hanno rapito immagini

di speranze e delusioni

e così come le ho sognate

ho provato a riviverle

in questa visione – impressione

pensando che il mio inconscio

sia capace di svegliare cose

anche in chi lo vede

come in me le ho provate”

                                                               Caterina

AIUTACI NEL PROGETTO

Per supportare la realizzazione del progetto, che intende sensibilizzare i cittadini di Cosenza   verrà promossa una attività di raccolta fondi indirizzata a tutti coloro che amano l’arte e che credono fortemente nella valorizzazione dei borghi italiani.

La piattaforma di raccolta sarà Kickstarter e l’offerta sarà libera, nonostante in base alla cifra elargita corrisponderanno dei premi di riconoscenza.

Tramite la condivisione di un link dedicato sarà possibile diffondere questa iniziativa a quante più persone possibili.

PREMI PER LE DONAZIONI

FOTO CAST con regista autografata con la regista

FOTO CAST con regista autografata + ingresso alla prima per 2 persone (SENZA rinfresco)

FOTO CAST con regista autografata + ingresso alla prima per 2 persone (CON rinfresco) + foto solo regista

FOTO CAST con regista autografata + ingresso alla prima per 2 persone (CON rinfresco) + partecipazione di un giorno sul set + visibilità nei titoli di testa

CATERINA MISASI

REGISTA

Caterina Misasi Attrice

Nel 2020 partecipa come attrice protagonista, nel film “Magari Resto” di Mario Parruccini,come protagonista.

Nel 2018 è protagonista nel primo lungometraggio di Francesca Olivieri“Arberia”.Nel 2017/2018/2019 interpreta a teatro Vera Claythorne in Dieci piccoli indiani di Agatha Christie per la regia di Ricard Reguant ; spettacolo che ha fatto “sold out” nei maggiori teatri di Italia. 

Torna sul palcoscenico nel 2016 con la regia di Marco Simeoli nello spettacolo/opera/musical su San Francesco di Paola per i 600 anni dalla nascita del Santo (prima nazionale). 

Nel 2013, entra nel cast della soap opera CentoVetrine nel ruolo della fotoreporter Fiamma Brera . 

Nel 2011, oltre a partecipare al settimo episodio di Distretto di polizia 11, recita nel film TV Un Natale per due a fianco di Alessandro Gasmann ed Enrico Brignano

L’ anno successivo in Nero Wolfe con Francesco Pannofino e Pietro Sermonti, inoltre nel Film TV Walter Chiari – Fino all’ultima risata (dove veste i panni di Lucia Bosè) a fianco di Alessio Boni e nella fiction Che Dio ci aiuti con Elena Sofia Ricci

Continua la sua carriera in teatro lavorando con vari registi, tra cui Pietro BontempoReza Keradmand e Sharoo Keradmand, fino ad ottenere, nel 2010, il ruolo di protagonista in Cavalleria Rusticana con David Coco e Claudia Potenza per lo Stabile di Catania con la regia di Giampiero Borgia. 

Nel 2009 è tra i protagonisti della serie Un medico in famiglia 6, al fianco di Giulio Scarpati.

Da gennaio 2005 fino ad agosto del 2007 è nel cast della soap opera di Canale 5, Vivere, dove è protagonista, con il ruolo di Carolina Blasi. 

CAST ARTISTICO

VERA DRAGONE

Catanzaro

FRANCESCO COLELLA

Catanzaro

MARIO SCERBO

Caraffa (CZ)

ALESSANDRO COSENTINI

Cosenza

ELISABETTA MISASI

Cosenza

DANIELA VITALE

Catanzaro

ANNALISA GIANNOTTA

Roccella Jonica (RC)

MARIASILVIA GRECO

Cosenza

STEFANO GRILLO

Cirò Marina

GIUSEPPE PALLONE

Rossano (CS)

VICKY MACRI’

San Demetrio Corone (CS)

MARIA ANTONIETTA RIMOLI

Frascineto (CS)

ENZA RENZELLI

Cosenza

CAST TECNICO

SCENEGGIATURA Caterina Misasi
REGIA Caterina Misasi
COREOGRAFIA Simona Ficosecco
DOP Emilio Costa
SCENOGRAFIA Eros Leale
MUSICHE Ian Post
COSTUMI
TRUCCO Valeria Cipolla
PARRUCCO Massimiliano Bruno Fidelio
ORGANIZZAZIONE GENERALE Alessio Pasqua
AIUTO REGIA Martino Mangiacapra

SEGRETARIA DI EDIZIONE Federica D’Ignoti
ASSISTENTE ALLA REGIA Benedetta Infusino

OPERATORE STEADYCAM Guido Peluso

OPERATORE – Alessio Falbo
FOCUS PULLER Cristiano Dominici
DRONISTA Gianluca Cinelli
MICROFONISTA Giuseppe Tripodi
CAPO ELETTRICISTA Ciak Calabria Service
ASSISTENTI ELETTRICISTA Ciak Calabria Service
CAPO MACCHINISTA Antonio Lupin
ASSISTENTI MACCHINISTA Saverio Patelmo
BACKSTAGE Go4Round

Contattaci per saperne di più

    LOGO-GO4ROUND

    Go4Round è un progetto social lanciato a inizio 2021 da un gruppo di giovani calabresi. Lo scopo del progetto è dare voce a realtà storiche, culturali e materiali della Calabria, valorizzando la straordinaria originalità della regione nel panorama italiano ed europeo. I mezzi attraverso i quali Go4Round entra in contatto con la propria community sono i social, le piattaforme dedicate ai contenuti multimediali e gli eventi dal vivo, pensati per dare nuova vita a rovine, paesaggi, borghi e centri storici. Riscoprire il territorio, con uno sguardo fiero verso il passato e un occhio rivolto alle idee più innovative, significa presentare la Calabria al mondo che verrà e al visitatore. Grazie a questi propositi, Go4Round condivide con l’iniziativa “COSENZA IN TESTA”, di Caterina Misasi, la stessa sensibilità e lo stesso ottimismo per il futuro. Se fino ad ora, nel contesto nazionale, Cosenza è rimasta nell’ombra, oggi è arrivato il momento di accendere i riflettori: facciamo luce su un gioiello nascosto che ha scritto un pezzo di storia del Mediterraneo!

    I MACCATURI

    Nel 2011, in occasione di una mia personale a Cosenza, rividi dopo tanti anni il fotografo
    Gianni Termine che mi propose di legare pittura e fotografia per dar vita ad una mostra
    sulla Calabria, nostra terra di appartenenza.
    Non volevo soluzioni banali e frettolose e quindi attesi il giusto stimolo personale che ho
    poi trovato nel “maccaturo” di mia nonna paterna, natia di Montalto Uffugo.
    Il progetto, partito nel dicembre del 2015, aveva lo scopo di rendere omaggio a Cosenza,
    alla Calabria, ai valori ed alle tradizioni del passato, alle donne che, come mia nonna,
    sono state una colonna silenziosa della famiglia e della società.
    Gianni, su mia indicazione, realizzò degli scatti nei luoghi che mi stavano a cuore come
    espressione del mio percorso personale.
    Ne scaturirono quindici dipinti su seta pura grezza.
    Successivamente, con il supporto di un social media, divulgai l’idea che fu ben accolta e si
    concretizzò con centocinque adesioni di pittori, poeti, fotografi, designer, architetti, scultori.
    Ognuno inviò il proprio maccaturo, soffermandosi su di un uso od un aspetto dello stesso,
    Come Martinez che dedicò il suo alle Madri di Plaza de Mayo che indossavano un
    fazzoletto bianco durante le proteste in favore dei Desaparecidos.
    Venne pubblicato un libro, creato un video ed un blog.
    Le opere furono esposte ad Altomonte ed a Catanzaro per poi essere donate alla
    cittadinanza di Mendicino, terra di filande.
    Attualmente sono conservate a Palazzo Campagna.
    A distanza di sei anni, ritorna oggi la voglia di riproporre altri Maccaturi, sempre omaggio
    alla cultura ed alle tradizioni, con l’intenzione di costruire qualcosa che vada oltre il tempo,
    oltre il luogo.

    EUGENIO CARBONE

    Sono felice di annoverare tra gli artisti che hanno deciso di collaborare per la realizzazione del progetto Cosenza in Testa anche Eugenio Carbone.

     

    Eugenio Carbone, nato a Mendicino, formatosi nella sartoria maschile di Antonio Pasqua e in quella femminile di Ernesto Reda e che nel 1959, dopo oltre un decennio di consolidata esperienza nella realizzazione di abiti maschili e femminili, aprì a Cosenza la sua prima sartoria e vestendo molte signore dell’alta borghesia della città Bruzia.

    Carbone non ha mai smesso di inventare, sperimentare e realizzare meravigliosi abiti, negli anni Sessanta trasferitosi a Roma, per motivi di famiglia, nella capitale dell’alta moda lavorò per atelier rinomati come quello di Germana Marucelli, Sorelle Fontana, Renato Balestra. È stato colui che ha vestito dive, cantanti e donne del mondo del cinema e della televisione.

    Eugenio Carbone, dai modi garbati e raffinati, in vita, per una serie di eventi si è fatto invisibile, oggi è giunto il momento di dargli voce e di far conoscere la sua affascinante storia fatta di creatività, genio, passione e abnegazione.

     

    Eugenio Carbone ha lasciato un’eredità artistica importante e la figlia, Susy Carbone, che crede in COSENZA IN TESTA, ha deciso di donarla dando la possibilità agli attori di indossare questi meravigliosi abiti.

    abito1
    abito3
    abito2

    Creazioni di Eugenio Carbone: abiti da sposa in miniatura realizzati successivamente dalle Sorelle Fontana

    Con il patrocinio di:

    logo

    © 2021 Caterina Misasi – Fabio Iellini – rappresentanza artistica

    (Visited 169 times, 1 visits today)